mercoledì 9 novembre 2011

BOOK ADVENTURE


Oggi, per mie esigenze editoriali, cercavo un romanzo degli anni '80 da tempo esaurito in libreria. Alla biblioteca centrale di Milano ho scoperto che non era disponibile in nessuna filiale milanese. Tramite una ricerca telematica sono giunto a scoprire che ne esistevano pochissime copie in biblioteche sparse per la Lombardia, ma senza la possibilità di risalire a quali. Ho dovuto ricorrere all'aiuto di un responsabile del centro consulenza per riuscire a individuare la sede più vicina. Mi sono fatto dare il numero, ho chiamato, ho verificato che il volume fosse disponibile e nel pomeriggio mi sono fatto un viaggetto di quasi un'ora sui mezzi pubblici per andare a recuperarlo in provincia.
Il treno, il sole che è rispuntato dopo giorni di diluvio, girare per le strade del paese chiedendo agli sconosciuti indicazioni per raggiungere la biblioteca, mettere le mani su un testo difficile da trovare, scoprire che sono passati dodici anni da l'ultima volta che qualcuno l'ha chiesto in lettura, affrontare le prime pagine sul treno che mi riportava verso la città, ecco, l'insieme di queste cose mi sembra che abbia reso la mia giornata curiosamente emozionante.


12 commenti:

Anonimo ha detto...

ovvio che vogliamo il titolo del libro e la biblioteca. i numeri degli autobus sono facoltativi.
(hai creato un mostro)

Sull'Amaca ha detto...

Dai, svelaci il libro!

Matteo B. Bianchi ha detto...

Non posso svelarlo appunto perché si tratta di una questione professionale: sto lavorando perché venga ripubblicato.

Anonimo ha detto...

Non hai la macchina?

E perche'? E come ti trovi?

Vincenzo

Anonimo ha detto...

Eh no! Matteo B. Bianchi non guida e ci sta! Ma che non abbia un autista o, almeno, un amico pronto a scarrozzarlo in giro, non ci sta.

quadernini ha detto...

bello. ci vorrebbe un libro sulle avventure per andare alla ricerca di libri. :)

francesca ha detto...

almeno consigliacelo quando uscirà!

Urios ha detto...

à la recherche du livre perdu ?
affascinante!

Anonimo ha detto...

Viva le biblioteche di provincia!!!

Riccardo Fasti ha detto...

Allora speriamo che lo ripubblichino!

fralui ha detto...

io guido volentieri, ma potendo sceglierei sempre il treno, hai tempo per te e per gli altri, due chiacchiere, una lettura ..appunto.
Anch'io sono curiosa di sapere ci quale "strano" libro si tratta ..

la donna camèl ha detto...

Se era Signorina Cuorinfranti lo potevi chiedere a me, ce l'ho e te l'avrei affidato senza paura ;)