mercoledì 12 gennaio 2011

LA MORALITA' DI FACEBOOK



Durante queste feste natalizie la mia casella postale di Facebook è stata invasa da auguri, anzi da catene di auguri. Per la struttura della posta di FB, ogni messaggio inviato a molteplici destinatari implica che la risposta sia collettiva, pertanto gli auguri si protraevano per giorni, spesso in uno scambio tra persone a me sconosciute ma capitate nel mio stesso elenco. Cancellare i messaggi non serviva a niente: come in un incantesimo tecnologico, bastava che qualcuno rispondesse di nuovo ed ecco che l'intera catena ricompariva nella casella. Più che auguri, una maledizione.

Mi sono lamentato ironicamente della faccenda in uno status: "Caro Babbo Natale, per regalo mi liberi dalle catene di auguri collettivi e relative risposte? O, in alternativa, porti la pace nel mondo? (Preferirei la prima comunque)".

Subito c'è stato qualcuno che mi ha tacciato di stronzaggine: possibile che fossi tanto terribile da non apprezzare la gentilezza di chi voleva augurarmi buone feste?

Ecco, questo mi ha fatto riflettere. Se mai gli auguri hanno un senso, dovrebbe risiedere nella sincerità e nell'affetto di chi li porge. Davvero mandare lo stesso messaggio in batteria a decine e decine di persone equivale a trasmettere un sentito augurio? Raggruppare amici e semplici conoscenti in un click, inviando un'immagine natalizia pescata dalla Rete, significa realmente aver trasmesso un pensiero affettuoso? Forse non la pensiamo nello stesso modo.

Questo episodio me ne ha riportato alla mente un altro avvenuto oltre un anno fa. Un giorno avevo manifestato in un post l'elogio di un disco appena uscito. Era l'aprile del 2009. Sotto quel mio status, a sorpresa, sono apparsi numerosi commenti, ma non riguardavano l'album. Erano di gente che mi accusava di insensibilità perché non stavo manifestando solidarietà alle vittime del terremoto dell'Aquila, avvenuto pochi giorni prima.

Ero basito.

Come tutti, in quella settimana, stavo seguendo la tragedia del terremoto aquilano. Avevo visto un numero imprecisato di telegiornali, aggiornavo (a volte con frequenza ossessiva) le prime pagine dei quotidiani on line, avevo trascorso più di una serata sintonizzato persino sull'orrido Porta a porta vespiano per seguire i dibattiti in corso. Che ne sapeva la gente di Facebook se provavo o meno interesse? Di cosa mi stavano accusando?

Ho navigato un po' tra le pagine dei miei contestatori. Contenevano le solite cose: foto personali, video comici ripresi da YouTube, battute scambiate fra amici... Non erano volontari che scavavano fra le macerie, non era gente che stava dando una mano sul posto. Era gente qualunque. Però qualcuno aveva sostituito la foto del profilo con una bandiera dell'Aquila, qualcuno aveva messo come status "Solidarietà alle vittime del terremoto". Ecco: questo, evidentemente, segnava la differenza morale fra me e loro. Era un discrimine sufficiente per arroccarsi su un piedistallo in posizione giudicante.

Forse sono io che sono old-school, ma comincio a credere che la facilità di comunicazione dei social network possa creare dei fraintendimenti colossali.

Ho un passato fatto di volontariato, di impegno sociale portato avanti per anni di cui non ho quasi mai parlato e non mi interessa comunque farlo. Ma almeno so cosa vuol dire manifestare solidarietà, ed è una cosa che implica sbattimenti, incomprensioni, sveglie all'alba, compagni di pensiero, fatica, piccole soddisfazioni molto intime e personali.

Cambiare figurina sul profilo davvero non ha niente a che fare con la sensibilità, l'impegno, la caratura morale. Può essere un segnale, certo, ma non motivo sufficiente per sentire la coscienza a posto e mettere in discussione quella altrui.

Che sia il caso di comiciare a spiegarlo?

[Pubblicato ieri sul blog dell'Unità Pensierini]

9 commenti:

Noodles ha detto...

D'accordissimo con la tua linea di pensiero. Ne discutevo, portando le tue stesse argomentazioni, tempo fa con alcuni amici e con la mia ragazza (sia per la questione Aquila che per gli auguri natalizi/di buon anno)
L'augurio ha senso se uno mi chiama o ci incontriamo, e c'è un contatto vero e SINGOLO tra me e l'altro, se no è giusto una cosa tanto per. Come la questione Aquila. La gente posta una frase e così crede di aver risolto.
Ora, a me se uno non li fa proprio gli auguri, in quel caso, preferisco. anche perché spesso si tratta di persone che non vedo quasi mai o peggio non vedo da una vita, per cui non vedo la necessità di scambiarci degli auguri falsi, tanto comunque non sappiamo nulla l'uno dell'altro (a volte da anni).

Anonimo ha detto...

Ma come nn parli del volontariato? Ci hai scritto sopravun libro!!!!

Matteo B. Bianchi ha detto...

Non era un libro sul volontariato, era su un centro di assistenza nel quale lavoravo come obiettore, sono due cose assai differenti.

summ3rw1nd ha detto...

Mi trovo totalmente d'accordo con te.
Temo che una delle conseguenze più comuni dell'abuso di FB sia che ti ritrovi a pensare che tutto il mondo giri intorno a quello, e che basti iscriversi a un gruppo per far cessare la fame nel mondo o combattere l'intolleranza: è una piccola briciola, non è sicuramente sufficente e tanto meno può essere considerato la cartina di tornasole della moralità di una persona.

Mr Moscone ha detto...

Come non essere d'accordo con te? Io odio chi mi tagga in una cazzo di foto dove non c'entro niente e mi intasa la casella con decine, centinaia di commenti da parte di gente che non conosco. Anche io cerco come posso di ridurre il fenomeno appena mi accorgo di un tag indesiderato....lo tolgo e fanculo chi mi critica. Ps. odio gli auguri pre-confezionati. O sono personali, sentiti, cercati...o è meglio lasciar perdere. :-) baci...zzzzzzzzzzzzzzz

Anonimo ha detto...

Decisamente concorde con la tua visione.

Gloria ha detto...

Approvo!

Randagia ha detto...

Mah... fino all'anno scorso mi lamentavo che al compleanno ricevevo troppi SMS e le solite 2 telefonate vere degli amici di sempre. Quest'anno gli SMS forse sono stati due, le telefonate le solite più una, i messaggi su facebook non li ho contati. Non li ho voluti contare, troppo distaccati. Mi chiedo cosa mi arriverà l'anno prossimo, ma di sicuro quelle 2-3 telefonate ci saranno, il resto opterà per la via minimo sforzo/massima resa più popolare del momento.

Randagia, che alle telefonate di auguri ci tiene, al resto no.

d. ha detto...

sempre più contenta di non avere fb. e non è per snobismo, l'ho avuto e ne sono scappata a gambe levate, ma semplicemente non sopporto queste cose: il dovermi giustificare e il doverlo dire a tutti, il dovermi prendere dell'insinsibile e ricominciare da capo. fb stanca. ciao matteo!
d.